Connect with us

News

Turismo in aumento a Santarcangelo

Il sindaco Alice Parma: “Il sensibile aumento di arrivi e pernottamenti nel 2018 ha portato lavoro e ricchezza”

Presenze a quota 16.074 con un più 15,2 per cento rispetto al 2017, le permanenze notturne sono 28.474, in crescita del 22,6 per cento

 

Redazione

Pubblicato

a

Santarcangelo, 13 febbraio 2019

I dati sul turismo 2018 confermano che Santarcangelo è una destinazione turistica di piccole-medie dimensioni di qualità e in costante crescita.

“Un aumento del 15 per cento degli arrivi e addirittura di oltre il  22 per cento dei pernottamenti – commenta il sindaco Alice Parma – consolida non solo una percezione diffusa sul trend positivo del turismo santarcangiolese, ma è la migliore conferma di quanto emerso dalla ricerca presentata nello scorso mese di dicembre in occasione della conferenza sul turismo”.

Il quadro che emerge dalle statistiche pubblicate in questi giorni caratterizza sempre più Santarcangelo per un turismo destagionalizzato: arrivi e presenze sono distribuiti sull’intero anno con picchi di crescita che superano abbondantemente il 30 per cento nei mesi di aprile, maggio, agosto e settembre. In termini assoluti le presenze raggiungono quota 16.074, con un aumento del 15,2 per cento rispetto al 2017, mentre i pernottamenti passano da 23.231 a 28.474, facendo registrare un più 22,6 per cento. Dati ovviamente non paragonabili con i numeri delle località costiere, ma che nel contesto provinciale risaltano comunque in termini percentuali.

Il sensibile aumento i pernottamenti di turisti provenienti da alcune regioni del Nord Italia come la Lombardia – più 20,4 per cento – e dalla stessa Emilia-Romagna (più 22 per cento), è accompagnato da una significativa crescita di turisti stranieri, che salgono addirittura del  39,5 per cento se si considerano i Paesi dell’Unione Europea e del 30,5 per cento sul totale degli Stati esteri (portando a 5.828 il numero complessivo dei pernottamenti di stranieri).

“Questi dati particolarmente positivi si traducono in un aumento del numero di imprese, e quindi in maggiore occupazione e ricchezza, che valgono per il nostro territorio alcuni milioni di euro”, aggiunge il sindaco. “Di certo non siamo di fronte a un fenomeno momentaneo: le radici di questo successo, che premia innanzitutto la qualità, si ritrovano infatti nelle manifestazioni culturali di valore nazionale e internazionale, dal Festival del Teatro alle mostre di arte contemporanea ospitate al Musas, in una enogastronomia capace di rinnovarsi continuamente, negli eventi di grande richiamo come le Fiere d’Autunno, Calici di Stelle e il Capodanno in un km quadrato, nonché in una qualità della vita che finisce per diventare essa stessa un elemento di attrattività”.

Altri elementi che incidono positivamente si possono individuare in un’offerta turistica che – accanto a esercizi alberghieri di alto livello – ha visto crescere in maniera esponenziale il settore ricettivo extra-alberghiero, che oggi copre il 60 per cento dell’offerta essendo cresciuto negli ultimi anni del 130 per cento.

“Come è emerso dalla ricerca che abbiamo affidato al Centro di studi avanzati sul turismo dell’Università di Bologna – conclude il sindaco Parma – Santarcangelo con la sua storia e la sua posizione strategica può giocare un ruolo chiave nel processo di costruzione del prodotto Valmarecchia all’interno della Destinazione turistica Romagna, del network Cittaslow e del circuito delle Rocche e dei Castelli di Romagna”.

“Questi risultati rappresentano anche il migliore riconoscimento per la scelta di creare una struttura comunale dedicata esclusivamente alle tematiche turistiche” aggiunge l’assessore allo Sviluppo economico e turismo, Paola Donini. “Una struttura che in questi anni ha saputo coltivare un terreno fertile di relazioni e attività, incoraggiando gli imprenditori di Santarcangelo a scommettere sulla città in collaborazione con un ufficio Iat sempre più attivo e con associazioni come Pro Loco e Città Viva, che ci hanno supportati nello sviluppo di questa nuova economia. Non ultimo – conclude l’assessore Donini – abbiamo posto grande attenzione alla valorizzazione della città attraverso il decoro e la bellezza: un’attenzione importante, come dimostrano i numeri, perché Santarcangelo deve essere attraente e ospitale tutti i giorni affinché le imprese possano contare su un turismo destagionalizzato”.

 

 

 

News

Scomparso a Milano ragazzo di 22 anni, ha lavorato anche a Cattolica (RN) in passato

Redazione

Pubblicato

a

Simone Papadia è un ragazzo di 22 anni di origini brindisine. Vive da solo a Milano da qualche anno e negli ultimi periodi si spostava tra gli ostelli della città. Mercoledì 24 Aprile ha denunciato il furto di tutti i suoi effetti personali tra cui documenti e cellulare. Da allora più nessuna notizia.  In passato Simone ha lavorato anche a Cattolica (RN) in un negozio di noleggio bici, risciò e motocicli. La famiglia è molto preoccupata e chiede la massima condivisione. Il caso è seguito anche da Chi l’ha visto.

Chiunque ne avesse notizia può contattare la nostra redazione con un messaggio sulla nostra pagina facebook, inviando una mail a redazione@voce23.it oppure contattando questo numero 3312017414 gestito direttamente dalla famiglia del ragazzo.

LA SCHEDA
Età:
22
Statura:178
Occhi:castani
Capelli:castani
Segni particolari: Ha numerosi tatuaggi: un volto di donna sulla spalla destra, un lupo sul braccio destro, un tribale sulla gamba sinistra, una luna sul polso sinistro, dei numeri romani sul braccio sinistro. Porta sempre l’orecchino.
Scomparso da: Milano
Data della scomparsa: 24/04/2019

Di seguito alcune foto del ragazzo:

Continua a leggere

News

ITALIA DA 377MILA NOTTI “TOGLIE IL SONNO” AL MERCATO LUXURY ASIATICO

Redazione

Pubblicato

a

L’Italia piace più delle Maldive. A dirlo è l’Ufficio Studi Enit su dati Unwto (l’Organizzazione Mondiale del Turismo) che stila la classifica delle top destination per i turisti asiatici dalla Malesia e dalla città-stato di Singapore dove il Bel Paese è in pole position: quinto dopo “colossi turistici” come Usa, Messico, Cina e Uk. Sommando i pernottamenti in strutture ricettive italiane da parte dei visitatori provenienti da Malesia e Singapore si arriva a quasi 400mila notti in un anno (elaborazione Enit su dati Banca d’Italia) per una spesa complessiva pari a 75 milioni di euro. Il continente asiatico attribuisce uno speciale valore al turismo e alla filosofia del viaggio. Non a caso a Singapore l’industria turistica ha un impatto sul pil per 29 miliardi di dollari e rappresenta quasi il 10 per cento dell’economia producendo quasi 300mila posti di lavoro. Così come in Malesia il turismo garantisce l’occupazione con 1,7 milioni di impieghi, pari al 12 per cento della quota complessiva dei lavoratori della nazione del Sudest asiatico. “Ciò rende l’idea di quanto i turisti asiatici siano abituati già nel Paese di provenienza ad un turismo evoluto, strutturato e operativo – commenta il presidente Enit Giorgio Palmucci – e all’Italia, che è al primo posto tra i Paesi preferiti dai turisti extraeuropei (Ufficio Studi Enit su dati Eurostat), spetta il compito di mantenere i livelli dell’offerta turistica sempre elevati”. Parola d’ordine luxury, dunque, ma non intesa come turismo per pochi bensì come turismo di qualità rivolto anche alla classe media. Per intercettare la domanda potenziale in territori in espansione come quelli asiatici, Enit e l’Italia saranno per la prima volta alla Iltm (International Luxury Travel Market) di Singapore dal 27 al 30 maggio. Nello stand Italia anche la Regione Puglia e sei stakeholders in rappresentanza di Campania, Toscana, Lazio, Veneto, Puglia e Lombardia.

Continua a leggere

Economia

Al Comune di Rimini il Premio Innovazione di Smau Bologna per la strategia di contrasto e recupero dell’evasione fiscale

Redazione

Pubblicato

a

Rimini come eccellenza in campo nazionale nel contrasto all’evasione fiscale. Il Comune di Rimini è uno dei casi di successo in Italia riconosciuto dal Premio Innovazione organizzato da SMAU Bologna, la principale piattaforma di business matching in Italia nei settori dell’innovazione e delle tecnologie digitali per imprese e pubbliche amministrazioni locali in programma il 6 e 7 giugno. Il Premio Innovazione Smau è un riconoscimento assegnato  alle imprese e alle amministrazioni locali che si sono distinte per aver condotto una strategia d’innovazione digitale utile anche ad altre realtà ed enti. Il Comune di Rimini si è aggiudicato il riconoscimento per il software avanzato utilizzato per la gestione dei tributi e il recupero dell’evasione fiscale: un percorso di innovazione che ha avuto una sterzata nel 2014, con l’internalizzazione e quindi gestione in house della TARI. A questo scopo si è reso fondamentale adottare un nuovo software ed implementare nuovi flussi informativi.

Oltre alla gestione dell’attività ordinaria, le necessità di ottimizzare il recupero crediti e la lotta all’evasione hanno portato il Comune a costruire un percorso “di eccellenza” con l’incontro tra professionalità interne ed esterne. Il partner tecnologico individuato per raggiungere tale obiettivo, scelto attraverso procedure ad evidenza pubblica, è stato Municipia, società del Gruppo Engineering, con il quale è stato possibile mettere a frutto l’esperienza già maturata in passato in tema di incrocio delle banche dati finalizzato alla loro bonifica e all’individuazione di posizioni irregolari o addirittura sconosciute al fisco.

L’azione tempestiva messa in campo ha permesso, dal 2016 ad oggi, di recuperare crediti per 21,8 milioni di euro (di cui già incassati 12 milioni, le procedure per la riscossione sono in corso). Inoltre, grazie all’alto grado di innovazione degli strumenti informatici utilizzati, si sono potuti avviare dei processi di ricerca delle posizioni “border line” o aventi caratteristiche particolari di tassabilità, che hanno consentito il recupero di ulteriori 7 milioni (di cui già incassati 3,4 milioni).

“L’utilizzo di questa piattaforma tecnologica rappresenta un elemento centrale di una strategia di recupero dell’evaso che nello scorso biennio è stata caratterizzata dalla  ‘tax compliance’, attraverso l’adozione di provvedimenti e iniziative per agevolare i contribuenti intenzionati a regolarizzarsi – sottolinea l’assessore Brasini – Una serie di azione che ci hariconsegnato ottimi risultati, che si sono riflessi sul contenimento delle tariffe e sull’accelerazione delle procedure di riscossione. Oggi siamo in una seconda fase orientata che mira a colpire i recidivi e le violazioni più radicate, attraverso specifiche modifiche ai Regolamenti comunali e il lavoro sinergico dei vari uffici dell’Amministrazione, con AUSL, Ispettorato provinciale del Lavoro ed agli altri enti. Ricordo inoltre che sul piano legislativo, il Comune di Rimini ha collaborato con altri enti per la presentazione di una norma di legge che consenta ai comuni di subordinare il rilascio di licenze per negozi, esercizi ed altre attività produttive alla regolarità dei versamenti dei tributi locali. Una disposizione recepita in una proposta di legge approvata il 14 maggio scorso dalla Camera.I risultati conquistati e i riconoscimenti ottenuti a livello nazionale anche per l’innovazione digitale che stiamo mettendo in campo, ci danno ulteriore stimolo a proseguire in questo percorso”.

Continua a leggere

Tendenze