Connect with us

News

Procedono i lavori per la riqualificazione del porto e per il nautofono

Redazione

Pubblicato

a

Rimini, 6 marzo 2019

I progetti di riqualificazione del porto, il bando per il mercato ittico, il cronoprogramma per l’installazione del nautofono sono stati alcuni degli argomenti all’ordine del giorno dell’incontro avvenuto ieri tra l’Amministrazione Comunale, rappresentata dagli assessori Anna Montini e Roberta Frisoni, e una delegazione degli operatori della consulta del Porto. Un confronto positivo per fare il punto sulle diverse iniziative che interessano l’area portuale, a partire dal progetto di riqualificazione dell’area del molo di levante, l’ingresso della banchina del porto di pesca e il molo del faro i cui lavori inizieranno in aprile.

Il progetto, finanziato del bando Flag costa dell’Emilia Romagna per la “qualificazione luoghi di imbarco e sbarco” con 404.000 euro, sarà seguito da un ulteriore progetto di cui una prima versione già redatta dai tecnici del Comune sarà implementata e integrata a seguito dell’ampliamento del limite fissato in ambito regionale per ciascun progetto, che sale a 1,2 milioni di euro. Il nuovo bando è stato pubblicato nei giorni scorsi, con scadenza di presentazione delle domande prevista per la fine di maggio. Con gli operatori della Consulta del Porto si è quindi deciso di creare un gruppo di lavoro che possa dar modo all’Amministrazione di raccogliere ulteriori suggerimenti ed esigenze da parte di chi lavora quotidianamente nell’area.

Per il Molo di levante, il progetto già finanziato prevede la riqualificazione della pavimentazione della banchina e del percorso pedonale sopraelevato in legno, con la totale sostituzione dei parapetti. Per l’ingresso della banchina del Porto, il progetto punta a potenziare la barriera verde e la riqualificazione dell’impianto di illuminazione, con la sostituzione dei punti luce esistenti. L’intervento che interessa l’area del molo del faro prevede invece la realizzazione di una piazzetta pavimentata in pietra e di un nuovo impianto di illuminazione pubblica. E’ inoltre emerso il prossimo intervento con lavori nella struttura del faro vero e proprio, a cura di Mari e Fari.

La consulta del porto ha inoltre sottolineato la necessità di completare l’intervento di messa in sicurezza dell’avamporto, evidenziando come già la prima fase di riqualificazione abbia notevolmente migliorato la fruibilità dell’accesso al portocanale e come il completamento dell’avamporto potrebbe contribuire ad ampliare le zone di ormeggio anche per imbarcazioni di medie-grandi dimensioni.

Nel corso dell’incontro si sono inoltre riepilogati i termini della proroga al 30 giugno dell’affidamento alla Cooperativa Lavoratori del Mare del servizio pubblico di gestione del mercato ittico all’ingrosso. La gestione del servizio con sede in via F.lli Leurini – che comprende tra le varie attività la direzione del mercato, l’asta, la gestione dei posti di vendita, forniture e vigilanza – era in scadenza il 28 febbraio ed è stata prorogata per dare modo all’Amministrazione di procedere, nel rispetto dei principi di imparzialità e trasparenza, con la pubblicazione di un avviso volontario per verificare l’esistenza di operatori economici interessati al servizio. Gli operatori potranno presentare le loro proposte fino al 19 marzo attraverso la sezione Amministrazione Trasparente del sito internet istituzionale.

L’incontro è servito a fare il punto anche sul nautofono pronto a tornare a risuonare grazie proprio al contributo della Consulta del Porto. I tecnici hanno illustrato i prossimi step: terminati i lavori propedeutici, dalla prossima settimana inizieranno i lavori di cablaggio e allaccio elettrico, mentre entro la metà di aprile sarà posizionato il nautofono, seguendo le prescrizioni dalla Marina Militare Comando Zona dei Fari e dei Segnalamenti Marittimi di Venezia che ha dato parere favorevole all’intervento di riattivazione. Dopo le prove e il collaudo, il nautofono tornerà ufficialmente in funzione. “Un ritorno per il quale ringraziamo la Consulta del Porto e tutti gli operatori ad essa associati – sottolinea l’assessore Montini – che hanno donato alla città quello che è più di un semplice dispositivo, ma un pezzo della nostra storia e della nostra identità”.

Cultura

I numeri della prima stagione del Teatro Galli: 15mila presenze in sala per spettacoli e concerti, quasi 10mila adulti e ragazzi per le visite guidate

Redazione

Pubblicato

a

Quindicimila presenze nelle serate di spettacolo, quasi 10mila persone alla scoperta degli spazi riconsegnati agli antichi fasti: la prima stagione del Teatro Galli consegna numeri importanti, che danno la dimensione della risposta entusiasta di Rimini e dei riminesi all’apertura di un contenitore culturale che in sette mesi di attività è già diventato un punto di riferimento della città. Un bilancio che arriva a chiusura di una stagione inaugurale trascinata dall’entusiasmo e in previsione di un secondo anno di programmazione denso di appuntamenti e novità, che saranno anticipate sabato 1° giugno in occasione della presentazione al pubblico della 70esima edizione della Sagra Musicale Malatestiana, che si aprirà il 3 agosto con il concerto diretto dal Maestro Riccardo Muti.

Tornando ai numeri, sono state circa 15mila le presenze agli spettacoli e ai concerti (al netto dei vari eventi gratuiti) ospitati a teatro dal 28 ottobre, giorno dell’inaugurazione con la Cenerentola di Cecilia Bartoli, fino ad aprile scorso. Tanti i sold out registrati sia per le proposte del cartellone di prosa – che ha segnato una crescita sia di biglietti venduti, sia di abbonamenti rispetto all’anno passato – sia per i concerti della Sagra Malatestiana, oltre ai tre eventi inaugurali – Cecilia Bartoli, Roberto Bolle, Valery Gergiev – che hanno visto il Galli riempirsi in ogni ordine di posto.

Se il dato delle presenze è ottimo e in parte atteso, è invece sorprendente il numero delle persone che in questi mesi hanno partecipato alle tante visite guidate organizzate per approfondire la storia del Teatro e conoscere i dettagli della sua ricostruzione: da dicembre alla scorsa settimana sono stati contati circa 9.300 visitatori, tra gruppi di adulti e le scolaresche. La curiosità di ammirare il teatro fresco di restauro ha spinto il primo mese di visite, con ben 1.600 presenze e 550 ragazzi delle scuole nel solo mese di dicembre. L’attenzione e la voglia di conoscere il Teatro sono però rimaste costanti anche settimane dopo l’inaugurazione: il picco è stato registrato a marzo, con ben 990 presenze registrate a cui si aggiungono i 261 studenti. Proprio ai giovanissimi, i bambini e i ragazzi delle scuole del territorio, il teatro si rivolge per avvicinare le nuove generazioni alla cultura e all’arte: grazie all’attenzione delle scuole e alla sensibilità degli insegnanti, sono stati quasi 1.650 gli alunni che hanno varcato la soglia del teatro polettiano. Un motore culturale che è anche attrazione turistica come dimostrano le2.890persone che nella notte di Capodanno si sono messe in fila per approfittare della possibilità di visitare gratuitamente il teatro.

“Questi primi mesi di attività sono stati entusiasmanti – commenta l’assessore alla cultura Giampiero Piscaglia – la vera sfida però arriva adesso: oggi il Teatro Galli non rappresenta più una novità ma una realtà centrale della nostra offerta culturale e abbiamo il compito non semplice di far sì che continui a produrre contenuti in grado di coinvolgere un pubblico sempre più ampio e consolidarsi come punto di riferimento delle rete teatrale e musicale regionale. La passione e l’attenzione con cui la città ha riabbracciato il suo Teatro è in questo senso un grande patrimonio”.

Continua a leggere

News

MISANO CIRCUIT TOUR IL ‘SIMONCELLI’ DIVENTA ESCURSIONE EMOZIONANTE PER I TURISTI

Redazione

Pubblicato

a

Il progetto Misano Circuit Tour, promosso da MWCin partnership con la Fondazione aMisano, è stato presentato agli operatori turistici oggi a Portoverde. Accolti dal Vicesindaco di Misano Adriatico Fabrizio Piccioni, erano presenti al battesimo del progetto i piloti Niccolò Antonelli, Michele Pirroe Matteo Ferrari. Tutta la comitiva, in sella alle bici elettriche e risalendo lungo la ciclabile del Conca, ha poi raggiunto Misano World Circuit per scoprire il percorso del tour.

Misano Circuit Tour si sviluppa in nove tappe all’interno del circuito per mostrare passato presente e futuro di un circuito che rientra nell’elite mondiale degli autodromi, unico in Italia e fra i pochissimi al mondo dove si corrono entrambi i mondiali di motociclismo, WorldSBK e MotoGP, oltre all’imminente Campionato Europeo Truck.

Seguendo le intuizioni di Marco Montemaggi, curatore del percorso, la visita supera la tradizionale visione di un museo storico, ma riguarda la struttura operativa, il paddock e la sala stampa, la terrazza panoramica, la pit lane, tutti luoghi off limit durante le gare.

Misano Circuit Tour racconta il presente attraverso la visita alle più importanti strutture operative del circuito; il passato è narrato da una parete della memoria (nella galleria dedicata a Marco Simoncelli) dove attraverso una storia divisa in 4 decadi (dagli anni ’70 al 2000) si possono ricordare gli uomini, le gare e gli eventi che hanno caratterizzato il circuito.

Misano Circuit Tour è anche un viaggio nel futuro, nel quale conoscere ad esempio le nuove tecnologie della sala Race Control o percorrere i 4.226 mt della pista internazionale dei grandi campioni in sella a modernissime e-bike.

Emozioni garantite per chi percorrerà le curve del Simoncelli sulle traiettorie dei grandi campioni della MotoGP, con le bellissime bici elettriche fornite da Tecno Bike, alimentate dal potente sistema Bosh e indossando i caschi offerti da Briko.

La visita, condotta da una guida appositamente formata e riservata a gruppi di fra 15 e 40 persone, consentirà quindi di conoscere la storia del circuito e il suo sviluppo all’interno della Motor Valley, straordinario territorio nel quale la cultura del motore ha generato fabbriche leader al mondo, campioni, eventi e una passione incontenibile per il motorsport.

Misano Circuit Tour è l’evoluzione del progetto ‘58 Minuti’, ideato dalla Fondazione aMisano, rivolto ai turisti e agli appassionati che in due anni ha ottenuto un grande successo. In questo nuovo step, oltre alle visite in e-bike si confermerà il trasporto con il trenino, che condurrà verso il Simoncelli fermando nelle stazioni lungo il percorso per accogliere a bordo i turisti dalle varie zone del territorio misanese.

Alla proposta Misano Circuit Tour sono dedicate dodici giornate, tre ogni mese, nelle quali gli appassionati potranno l’inedita esperienza all’interno di Misano World Circuit: 1-12-17 giugno, 5-22-31 luglio, 9-11-26 agosto, 2-9-18 settembre. Altre date sono disponibili su prenotazione.

Info e prenotazioni:visitmisanocircuit@misanocircuit.com– tel. 0541/618511.

Continua a leggere

News

IL QUESTORE DI RIMINI, DOTT.FRANCESCO DE CICCO IN VISITA ALLA GUARDIA DI FINANZA

Redazione

Pubblicato

a

Questa mattina, il Questore di Rimini, Dott. Francesco De Cicco, che ha assunto l’incarico lo scorso 26 marzo, si è recato in visita presso il Comando Provinciale della Guardia di Finanza, ove, dopo essere stato accolto dal Comandante Provinciale, Colonnello Antonio Giuseppe Garaglio, ha incontrato gli Ufficiali alla sede ed una rappresentanza di Finanzieri in servizio nei reparti della provincia, nonché i Presidenti delle Sezioni dell’Associazione Nazionale Finanzieri d’Italia di Rimini e Riccione.

Nell’occasione il Comandante Provinciale ha illustrato al Questore le attività salienti di polizia economico-finanziaria svolte nei primi 4 mesi dell’anno dal Nucleo di Polizia economico-finanziaria, dal Gruppo di Rimini e dalla Tenenza di Cattolica, a conferma dell’impegno costante che le Fiamme gialle riminesi dedicano al controllo economico del territorio dell’intera provincia, con particolare riguardo alla lotta all’evasione fiscale, al lavoro nero, alla contraffazione, all’abusivismo commerciale in tutte le sue forme e al contrasto dei traffici illeciti a tutela dell’economia legale e dei cittadini, fornendo – con un costante presidio del territorio, in coordinamento con tutte le Forze di Polizia – un fattivo contributo di concorso al mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica.

Successivamente il Questore, accompagnato dal Col. Antonio Giuseppe Garaglio, si è recato presso gli ormeggi di via Sinistra del Porto per una visita a bordo dell’unità navale classeBuratti “Capitano Cultrona”, in dotazione alla Stazione Navale della Guardia di Finanza di Rimini. Durante la visita il Comandante del Reparto Operativo Aeronavale (ROAN), Tenente Colonnello Fulvio Nicolò Furia, ha illustrato al Questore le peculiarità della missione istituzionale del comparto aeronavale del Corpo, quale unica forza di polizia di sicurezza del mare, e le principali attività poste in essere dalle dipendenti unità operative aereonavali, che operano lungo tutto il litorale romagnolo.

Continua a leggere

Tendenze